Il sito di Attilio Folliero
08/11/07 Riforma
martes, 06 abril 2010 23:12
Escritos en Español
Español
Articoli di Attilio Folliero sul Venezuela
Venezuela 
Búsqueda personalizada
Principal Arriba 04/01/07 Peajes 07/01/07 Brindis 10/01/07 Rincone 15/01/07 Diario Vea 17/01/07 V. Acosta 18/01/07 Debate 19/01/07 Araujo 24/01/07 Universal 26/01/07 Larriva 01/02/07 Tal Cual 08/02/07 Rueda 11/02/07 Socialismo 15/02/07 Bsf 27/02/07 Caracazo 01/03/07 Haiti 05/04/04 Stampa 18/04/07 Parlatino 25/04/07 Venirauto 27/04/07 Gramsci 01/05/07 Epocale 27/05/07 Caso RCTV 28/05/07 RCTV 29/05/07 Adidas 01/06/07 Piramides 02/06/07 Chavez 08/06/07 Voce Italia 13/06/07 Chavez 16/06/07 Google 18/06/07 Petrolio 26/06/07 VTV 26/06/07 Luis Posada 28/06/07 Beppe Grillo 01/07/07 Repubblica 01/07/07 Omero Ciai 06/07/07 Aniversario 15/07/07 Simposio 19/07/07 Cacciatore 20/07/07 Gramsci 21/07/07 Publico 01/08/07 Risposta 21/08/07 Internet 22/08/07 Storia Internet 10/09/07 Crisi 25/09/07 Itanica 02/10/07 Alma Mater 21/10/07 Cuba 29/10/07 Satelite 01/11/07 Bloqueo Cuba 04/11/07 Manipolare 04/11/07 Riforma 05/11/07 Baduel 08/11/07 Messaggero 08/11/07 Riforma 09/11/07 Caricaturas 11/11/07 Callate 12/11/07 Apicella 14/11/2007 Solidaridad 14/11/2007 Album 22/11/07 Nocioni 23/11/07 Meyssan 01/12/07 Chavez 02/12/07 Resultados 03/12/07 NO
Dal 15/10/2006
Google Analytics
Page Rank Check
 
info@folliero.it
Principal
Arriba
Le implicazioni internazionali della riforma costituzionale in venezuela

Attilio Folliero/LPG, Caracas 08/11/2007

In Venezuela il vero problema non è la riforma in sè, ma la lotta di classe: da un lato una maggioranza consolidata, che si raccoglie attorno ai principi del socialismo, proposto da Hugo Chavez e dall'altro la minoranza oligarchica e le classi proprietarie che si oppongono con tutte le forze, con tutti i mezzi.

Per capire realmente la situazione è necessario considerare anche l'elemento internazionale. La riforma costituzionale in Venezuela ha attirato l'attenzione e l'avversione di tutte le oligarchie del mondo, di qui la forte concentrazione di notizie verso il Venezuela in tutti i media del mondo, tutte ovviamente tendenti a parlar male di Chávez e della riforma.

La riforma in Venezuela ha un forte connotato internazionale: i principi proposti creeranno un precedente per tutto il proletariato mondiale, per cui una volta approvati in Venezuela, i proletari del mondo, soprattutto dei paesi sviluppati, avranno un modello da seguire per le loro rivendicazioni.

La riforma in Venezuela si fonda su alcuni principi, che apporteranno notevoli benefici al popolo ed alle classi subalterne:

  • in tema di miglioramento della qualità della vita, la giornata lavorativa passerà dalle attuali 44 a 36 ore settimanali, per massimo 6 ore giornaliere nelle imprese la cui produzione è a ciclo continuo, dove verrà necessariamente introdotto un quarto turno. Se passa la riforma in Venezuela i lavoratori italiani e di qualsiasi paese del mondo che lavorano su tre turni negli altiforni, per esempio, saranno fortemente e giustamente indotti, visto il precedente, a richiedere la diminuzione dell'orario di lavoro e la ristrutturazione della giornata lavorativa su quattro turni, invece dei tre attuali. E' chiara l'implicazione mondiale e l'avversione delle oligarchie di tutto il mondo.

  • Sempre in tema di sicurezza sociale, ci sono numerosi miglioramenti anche per i lavoratori autonomi, per esempio i tassiti, gli artigiani, i venditori ambulanti... che saranno dotati di un fondo di sicurezza, finanziato a metà dallo stato, con cui saranno dotati degli stessi diritti di un lavoratore dipendente: ferie, malattie e vacanze retribuite, pensione e numerosi altri benefici, come il diritto al mutuo a tasso agevolato, cestaticket ...

  • Altro fondamentale cambio strutturale: l'eliminazione dell'autonomia della Banca Centrale. L'autonima della Banca Centrale, in qualsiasi paese del mondo, è pura ipocrisia, in quanto il banco centrale è si autonomo verso le autorità governative del paese, ma è completamente dipendente dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca Mondiale. La stessa ipocrisia accade in Italia ed in tutti gli altri paesi del mondo. Con la riforma si afferma il principio della indipendenza dagli organismi internazionali (FMI e BM), mentre perde l'autonomia interna.

  • Altro fondamentale principio previsto da questa riforma, che fa tremare moltissimo le classi oligarchiche di tutto il mondo: una reale ed effettiva riduzione del potere delle autorità, a qualsiasi livello, presidente compreso, a favore di un reale potere del popolo; il popolo organizzato avrà non solo più potere politico, ma anche e soprattutto potere economico; sarà il popolo che gestirà direttamente una serie di attività ed investimenti. Dalla democrazia rappresentativa si passa ad una reale protagonismo diretto di democrazia partecipativa, cosa che fa tremare anche alcuni governatori ed alti esponenti dello stesso partito di Chávez, che di fronte alla forte perdita di potere, si stanno ribellando (Ramon Martinez, Governatore dello Stato Sucre e Didalco Bolivar, Governatore dello Stato Aragua). Tali principi, una volta ammessi nell'ordinamento venezuelano, determineranno la forte riduzione del potere di tutte le autorità, compresa quella presidenziale a favore del popolo; ovviamente ciò spaventa anche le oligarchie e le classi politiche di tutto il mondo.

  • La nuova geografia umana punta a riorganizzare la societa al fine di migliorare la qualità della vita nelle grandi città, che oggi affogano nel traffico e nell'assembramento umano. La gente si sposta verso le grandi città perchè lì trova tutti i servizi. La nuova costituzione prevede che tutte le zone, anche quelle rurali, interne, e fortemente isolate, possano svilupparsi, al fine di offire a tutti i cittadini i servizi e le opportunità di cui hanno bisogno, senza necessità di spostarsi per andare a cercarli nelle grandi città. In questo modo si eviterà la pressione umana sui grandi agglomerati urbani, permettendo il miglioramento della qualità della vita dei cittadini. In Italia, tale principio non sarebbe accettato facilmente: città che di fatto perderebbero importanza, non tollererebbero una simile situazione; ricordiamo che ci furono grandi rivolte solamente perchè una città perse il ruolo di capoluogo (Rivolte di Reggio Calanbria nel 1970); immaginiamo cosa possa significare riordinare tutti i servizi in modo da assicurarli anche ai piccoli centri; un tribunale, un ospedale, una scuola, una fabbrica anche in un luogo isolato, con la conseguente perdita di importanza dell'attuale città, appare normale che la perdita di privilegi non aggrada a qualcuno. Ciò favorirà da un lato lo sviluppo di un'area arretrata, dall'altro rende la vita più umana e vivibile sia alla popolazione della grande città, che a quella del piccolo centro isolato.

  • Altro importante aspetto della riforma: la reale uguaglianza di tutti i cittadini, qualunque sia l'origine; la riforma riconosce che il popolo venezuelano è il frutto di una mescola di tre grandi ceppi: l'indigeno, l'europeo e l'afrodiscendente. Di conseguneza una reale uguaglianza dei tre cepppi. Anche questi principi egalitari avranno forti influenze internazionali; pensiamo ai paesi a forte immigrazione, dove i ceppi di origine africana, per esempio o asiatica, saranno invogliati a reclamare, giustamente, una reale uguaglianza.

  • La riforma costituzionale in Venezuela ha dunque implicazioni anche all'estero perchè contribuirà a sviluppare la coscienza del proletariato mondiale, che lotterà per gli stessi diritti di cui godrà il proletariato venezuelano.

E' dunque chiaro perchè le oligarchie mondiali ed i media mondiali hanno incrementato la loro attenzione verso il Venezuela ed è cresciuto il numero di articoli che tendono a parlare male di Chávez, al fine di screditarlo.

feed
OK notizie
Folliero su Tecnocotizie
Add to Google Reader or Homepage
http://www.wikio.it
twitterSlidefacebookVideo in Daily Motion
folliero.it
Dal 26/01/2001
Nel sito gli scritti, gli articoli, le poesie, i racconti, di Attilio Folliero e Cecilia Laya, ma anche i principali eventi della propria vita. Spazio anche alle famiglie ed alle città di origine, Lucera, in Italia e Caracas, in Venezuela.
Articoli di Attilio Folliero sul Venezuela
Dal 2001 il Venezuela negli articoli di Attilio Folliero e Cecilia Laya
Galeria fotografica
Matrimonio Attilio Folliero e Cecilia Laya Lucera, 10/09/2004

selvas blog

Siti amici
Se hai un sito/Blog e vuoi intercambiare il link, contattaci


Sitios Amigos
Si tienes
un Sitio o Blog y quieres intercambiar el enlace, contáctanos
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale prodotto da Attilio Folliero e Cecilia Laya. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della legge n. 62 del 07.03.2001 e leggi successive.
Articoli, poesie e racconti contenuti in questo sito sono Copyleft
E' permessa liberamente la loro riproduzione, citando autori e link. Comunicateci se riprendente un nostro scritto ed inseriremo il link al vostro sito/blog nella nostra pagina dei siti amici.
Eventuali loghi e marchi proposti in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. Generalemente le immagini proposte sono di nostra proprietà o tratte dalla rete. Se stiamo utilizzando
immagini di proprietà, ovviamente inconsapevolemente,  comunicatecelo e provvederemo ad eliminarle immediatamente.