Il sito di Attilio Folliero
22/11/07 Nocioni
martes, 06 abril 2010 23:12
Escritos en Español
Español
Articoli di Attilio Folliero sul Venezuela
Venezuela 
Búsqueda personalizada
Principal Arriba 04/01/07 Peajes 07/01/07 Brindis 10/01/07 Rincone 15/01/07 Diario Vea 17/01/07 V. Acosta 18/01/07 Debate 19/01/07 Araujo 24/01/07 Universal 26/01/07 Larriva 01/02/07 Tal Cual 08/02/07 Rueda 11/02/07 Socialismo 15/02/07 Bsf 27/02/07 Caracazo 01/03/07 Haiti 05/04/04 Stampa 18/04/07 Parlatino 25/04/07 Venirauto 27/04/07 Gramsci 01/05/07 Epocale 27/05/07 Caso RCTV 28/05/07 RCTV 29/05/07 Adidas 01/06/07 Piramides 02/06/07 Chavez 08/06/07 Voce Italia 13/06/07 Chavez 16/06/07 Google 18/06/07 Petrolio 26/06/07 VTV 26/06/07 Luis Posada 28/06/07 Beppe Grillo 01/07/07 Repubblica 01/07/07 Omero Ciai 06/07/07 Aniversario 15/07/07 Simposio 19/07/07 Cacciatore 20/07/07 Gramsci 21/07/07 Publico 01/08/07 Risposta 21/08/07 Internet 22/08/07 Storia Internet 10/09/07 Crisi 25/09/07 Itanica 02/10/07 Alma Mater 21/10/07 Cuba 29/10/07 Satelite 01/11/07 Bloqueo Cuba 04/11/07 Manipolare 04/11/07 Riforma 05/11/07 Baduel 08/11/07 Messaggero 08/11/07 Riforma 09/11/07 Caricaturas 11/11/07 Callate 12/11/07 Apicella 14/11/2007 Solidaridad 14/11/2007 Album 22/11/07 Nocioni 23/11/07 Meyssan 01/12/07 Chavez 02/12/07 Resultados 03/12/07 NO
Dal 15/10/2006
Google Analytics
Page Rank Check
 
info@folliero.it
Principal
Arriba

Attilio Folliero, LPG, Caracas, 22/11/2007

Ancora una volta la Nocioni (su Liberazione del 20/11/2007, a parlare male della Rivoluzione Bolivariana. Subito dopo l’apparizione delle caricature di Enzo Apicella da Caracas a favore della rivoluzione, ecco rispuntare la Nocioni, inviata a Caracas a relatare su Baduel passato all’opposizione. Una coincidenza l’articolo della Nocioni, subito dopo le vignette di Enzo Apicella a favore di Chávez?

In politica non esite l’ingenuità, ossia niente succede per caso, per cui non è sbagliato pensare che la Nocioni sia stata inviata a Caracas, da qualla parte del partito della Rifondazione Comunista, di cui Liberazione è l’organo ufficiale, che si oppone fortemente al socialismo ed al progetto socialista di Hugo Chavez.

La Nocioni questa volta parla di Baduel, del generale Baduel, del grande amico di Chavez ora passato ad essere un suo oppositore, il quale ha paragonato la riforma ad un colpo di stato. Se il popolo, nel referendum del prossimo due dicembre dovesse approvare la riforma (cosa del tutto scontato, considerando i sondaggi, anche quelli di opposizione, che danno nettamente la vittoria al si, ossia all’approvazione della riforma) c’è da chiedersi: “Che razza di colpo di stato è una riforma approvata in referendum dalla maggioranza del popolo venezuelano?

Torniamo a Baduel ed alla Nocioni. Perchè la Nocioni non racconta i possibili veri motivi del passaggio all’opposizione di Baduel? Perche non dice che, ancora diciotto giorni prima del suo pronunciamento contro Chavez e contro la riforma, Baduel difendeva a spada tratta la riforma ed il processo?

La Nocioni non dice che Baduel nel libro “Chavez nuestro” di Rosa Miriam Elizalde e Luis Baez, a pag. 277, confessa che nell’aprile del 2002 l’opposizione ed emissari del governo statunitense gli avevano offerto milioni di dollari per tradire Chavez e lui, costituzionalista, aveva rifiutato. Come mai non si domanda e non domanda allo stesso Baduel, se oggi l’oposizione gli ha offerto piu soldi?

La Nocioni non dice che il Signor Baduel era il portavoce di un progetto di treno elettromagnetico per collegare Caracas a La Guaiara (aereoporto). Percorso 17 chilometri, costo di questo progetto futurista ben 12.000/15.000 milioni di dollari. Ovviamente dietro tale progetto c’erano alti interessi ed a lui magari erano state promesse le briciole; però, quando si parla di somme cosi elevate, di 15.000 milioni di dollari, una briciola dell’1% ammonta a 150 milioni di dollari e tale briciola potrebbe far gola a piu di una persona. O no?

Il progetto di Baduel è stato bocciato dal governo Chavez, così come avrebbe fatto qualunque governo con un minimo di buonsenso. Sarebbe logico e morale spendere 15.000 milioni di dollari per collegare due città distanti tra loro 17 chilometri? Tra l’altro c’è da aggiungere che il treno elettromagnetico in Germania, paese all’avanguardia nel settore, è stato scartato per le brevi distanze ed utilizzato esclusivamente per lunghi percorsi ossia non ha senso spendere tanti soldi per collegare due citta distanti 17 chilometri.

Una domanda sorge spontanea e che avrebbe dovuto farsi anche la Nocioni: non è che dietro il passaggio all’opposizione del signor Baduel ci sia proprio il rigetto di questo progetto che il signor Baduel stava portando avanti per conto di altri? Perchè la Nocioni nasconde ai suoi lettori questo particolare da 12.000/15.000 milioni di dollari? Una somma del genere non è certo qualcosa di insignificante. O no? Per ulteriori particolari sulla storia del terno elettromagnetico venezuelano che portava avanti il signor Baduel, si consulti la pagina di Omar Montilla (in spagnolo), già membro della segreteria del Governo Chávez.

feed
OK notizie
Folliero su Tecnocotizie
Add to Google Reader or Homepage
http://www.wikio.it
twitterSlidefacebookVideo in Daily Motion
folliero.it
Dal 26/01/2001
Nel sito gli scritti, gli articoli, le poesie, i racconti, di Attilio Folliero e Cecilia Laya, ma anche i principali eventi della propria vita. Spazio anche alle famiglie ed alle città di origine, Lucera, in Italia e Caracas, in Venezuela.
Articoli di Attilio Folliero sul Venezuela
Dal 2001 il Venezuela negli articoli di Attilio Folliero e Cecilia Laya
Galeria fotografica
Matrimonio Attilio Folliero e Cecilia Laya Lucera, 10/09/2004

selvas blog

Siti amici
Se hai un sito/Blog e vuoi intercambiare il link, contattaci


Sitios Amigos
Si tienes
un Sitio o Blog y quieres intercambiar el enlace, contáctanos
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale prodotto da Attilio Folliero e Cecilia Laya. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della legge n. 62 del 07.03.2001 e leggi successive.
Articoli, poesie e racconti contenuti in questo sito sono Copyleft
E' permessa liberamente la loro riproduzione, citando autori e link. Comunicateci se riprendente un nostro scritto ed inseriremo il link al vostro sito/blog nella nostra pagina dei siti amici.
Eventuali loghi e marchi proposti in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. Generalemente le immagini proposte sono di nostra proprietà o tratte dalla rete. Se stiamo utilizzando
immagini di proprietà, ovviamente inconsapevolemente,  comunicatecelo e provvederemo ad eliminarle immediatamente.