Il sito di Attilio Folliero
10/06/08 A Lula
martes, 06 abril 2010 23:12
Escritos en Español
Español
Articoli di Attilio Folliero sul Venezuela
Venezuela 
Búsqueda personalizada
Principal Arriba 03/01/08 Borse 2007 04/01/08 Cambio Bs 10/01/08 Clara Rojas 16/01/08 Liberazione 18/01/08 Bertinotti 31/01/08 Alimentos 01/02/08 USB 08/02/08 Exxon 08/03/08 Polo Nord 13/03/08 FARC 15/05/08 Berlusconi 25/05/08 Marulanda 10/06/08 A Lula 16/09/08 Vaticano 22/09/08 Vivanco 29/09/08 Tio 29/09/08 Homenaje 04/10/08 Haiti 06/10/08 Riflessioni 07/10/08 SIP 09/10/08 Crack 16/10/08 Rai Internet 20/10/08 Italia 20/10/09 Napoli 22/10/08 Dollaro 22/10/08 Totò 30/10/08 Satelite 31/10/08 Inclusion 12/11/08 Due crisi 23/11/08 Venezuela
Dal 15/10/2006
Google Analytics
Page Rank Check
 
Principal
Arriba
Lettera aperta delle organizzazioni haitiane a Lula

Attilio Folliero, Caracas 10/06/2008

Il presidente brasiliano Lula Ignacio da Silva lo scorso 28 maggio è stato in visita ufficiale ad Haiti. In questa occasione, i rappresentati di varie organizzazioni e movimenti sociali di Haiti hanno tentato di consegnargli una lettera. La polizia nazionale haitiana, che praticamente risponde agli ordini di MINUSTAH, la Missione delle Nazioni Unite per stabilizzare Haiti, a capo della quale ci sono le truppe brasiliane, così come impedisce lo svolgimento di qualsiasi libera manifestazione, ha impedito anche che questi rappresentati delle organizzazioni sociali potessero avvicinarsi a Lula per consegnargli la lettera.

Non essendo riusciti a consegnarla direttamente a Lula, i rappresentati delle organizzazioni sociali haitiane hanno deciso di divulgarla pubblicamente. Di seguito pubblchiamo il testo di questa lettera aperta a Lula, in cui, tra l'altro si afferma: “vista la necessità di stabilire una coperazione dal basso tra i vari popoli del sud del mondo, dove non esista lo sfruttamento, le chiediamo, signor Presidente, di provvedere inmediatamente al ritiro dei suoi soldati dal nostro Paese”.

Ricordiamo che questa è stata la seconda volta di Lula ad Haití. La prima visita di Lula risale al 2004, quando fu accompagnato anche da una selezione della nazionale brasiliana di calcio, che sostenne una partita amichevole con una selezione di Haití. La partita si svolse in un clima di grande festa e fu uno dei pochi giorni festosi che si ricorda nella storia recente di Haití.

Il Brasile sta svolgendo un ruolo importante nella storia recente di Haiti. Infatti, come accennavamo sopra, è al comando della Missione delle Nazioni Unite per la stabilizzazione di Haití (Minustah), composta da circa 6.700 militari e 1.600 agenti di polizia provenienti da una decina di paesi. Il Brasile contribuisce a questa forza di pace, che però si è macchiata di gravi reati (1), con più di 1.200 uomini, che si avvicendano ogni sei mesi.

Lettera aperta delle organizzazioni haitiane a LULA

Porto Principe
28 maggio 2008

Signor Presidente
Si sarà reso conto che durante la sua visita di oggi -28 maggio del 2008- non ha ricevuto la stessa accoglienza come nel 2006 quando –accompagnato dalla squadra nazionale brasiliana- tutti “impazzirino”, scambiando le illusioni per realtà.

In realtà sono cadute le maschere. Per prima cosa, il clamoroso fallimento della missione MINUSTAH rispetto agli obiettivi dello stesso Consiglio di Sicurezza dell’ONU del maggio del 2004. Oggi nessuno crede nel “disinteressato aiuto” di questa missione. Noi abbiamo compreso inmediatamente il lato oscuro della “missione umanitaria”.

L’arrivo del figlio del vice-presidente Alencar –propietario dell’industria tessile più importante del Brasile- per vedere dove aprire “zone libere” e controllare con i suoi occhi la nostra famosa “manodopera a basso costo”, ha finito per aprirci gli occhi. Anche oggi, della sua comitiva fanno parte notori capitalisti, sicuramente avidi di scommettere su questo “oro vivo”: si vanno chiarendo così gli obiettivi.

C’è di più. Tutti hanno visto il comportamento sia degli alti responsabili della missione che ricevono stipendi scandalosi –in un Paese così sprovvisto di tutto- sia quello dei soldati: la repressione nei quartieri popolari è aperta, come l’arroganza degli ufficiali, o l’atteggiamento dei soldati sui blindati, con le mitragliatrici sempre puntate contro le nostre teste.

Costoro, approfittando della situazione di dominio che istaurano, commettono inqualificabili e riprovevoli azioni…come il terrore durante i resentí avvenimenti.

L’essenza e la forma non lasciano più alcun dubbio: si tratta di una occupazione, di una tutela armata, e la sedicente “coperazione sud-sud” non inganna più nessuno: è solo una solidarietà tra classi le dominanti dei vari Stati, sotto la rapace direzione delle multinazionali.

Come si è arrivati a questa situazione? Com’è possibile che la rivoluzione più importante del continente abbia potuto partorire questa profonda umiliazione? Com’è che governi scaturiti dalle lotte dei lavoratori e dalle mobilitazioni popolari, giocano coscientemente il ruolo degradante di esecutori dei piani imperialisti?

Cerchiamo di spiegarlo nell’annesso. “Tutte le maschere della menzogna” espone la logica di tal sentenza, e i reali obiettivi del progetto imperialista-borghese di sfruttamento infinito. E il ruolo che lì deve svolgere Lei.

Rifiutando i suoi “aiuti” così come li concepisce e la presenza dei suoi soldati armati, finisce preconizando che un’altra coperazione è possibile

“… che unirebbe tutti gli operai, tutti lavoratori e tutti i popoli, che sono fundamentalmente fratelli; con l’agricoltura, la medicina, la costruzione delle città, con il sorriso, con la danza e i canti finalmente liberati, con la produzione colettiva e gli scambi equi”.

Signor Presidente,
la presenza delle forze di occupazione dell’ONU in Haiti costuisce un affronto al popolo haitiano a ai nostri avi che si batterono per lasciarci un territorio libero da ogni dominazione straniera.

In nome della lotta contro la dominazione straniera e il diritto all’autodeterminazione del popolo haitiano, in nome del diritto alla vita della gente dei quartieri poveri falcidiata dai proiettili assassini dei suoi soldati, però con lo stesso sentimento con cui dichiarò che la IV Flotta degli Stati Uniti “non è grata” nei porti del suo Paese; in nome della necessità di stabilire la coperazione dal basso tra i popoli del sud, Signor Presidente le chiediamo che proceda a ritirare inmediatamente le sue truppe armate dal nostro Paese.

Yannick ETIENNE
Batay Ouvriye

Camille CHALMERS
Plateforme Haitienne pour un Droit Altenatif

Marc-Arthur FILS-AIMË
Institut Culturel Karl Léveque

Guy NUMA
Mouvman Demokratik Popilé

PS: Avremmo desiderato consegnarle direttamente questa lettera, ma la polizia nazionale – che sta sotto il comando dei suoi militari - ce lo ha categoricamente proibito, così come proibisce quasiasi altra manifestazione della libertà di espressione.

(1) In relazione alla storia di Haiti, alla drammatica situazione attuale, alla repressione ed ai reati di cui si è macchiata la Forza di Pace delle Nazioni Unite (Minustah) invitiamo a leggere Nostro articolo anteriore, il Dossier Haiti de La Patria Grande, l'Appello di Selvas.org in favore di Haití e Quattro anni di missione ONU in Haiti
feed
OK notizie
Folliero su Tecnocotizie
Add to Google Reader or Homepage
http://www.wikio.it
twitterSlidefacebookVideo in Daily Motion
folliero.it
Dal 26/01/2001
Nel sito gli scritti, gli articoli, le poesie, i racconti, di Attilio Folliero e Cecilia Laya, ma anche i principali eventi della propria vita. Spazio anche alle famiglie ed alle città di origine, Lucera, in Italia e Caracas, in Venezuela.
Articoli di Attilio Folliero sul Venezuela
Dal 2001 il Venezuela negli articoli di Attilio Folliero e Cecilia Laya
Galeria fotografica
Matrimonio Attilio Folliero e Cecilia Laya Lucera, 10/09/2004

selvas blog

Siti amici
Se hai un sito/Blog e vuoi intercambiare il link, contattaci


Sitios Amigos
Si tienes
un Sitio o Blog y quieres intercambiar el enlace, contáctanos
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale prodotto da Attilio Folliero e Cecilia Laya. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della legge n. 62 del 07.03.2001 e leggi successive.
Articoli, poesie e racconti contenuti in questo sito sono Copyleft
E' permessa liberamente la loro riproduzione, citando autori e link. Comunicateci se riprendente un nostro scritto ed inseriremo il link al vostro sito/blog nella nostra pagina dei siti amici.
Eventuali loghi e marchi proposti in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. Generalemente le immagini proposte sono di nostra proprietà o tratte dalla rete. Se stiamo utilizzando
immagini di proprietà, ovviamente inconsapevolemente,  comunicatecelo e provvederemo ad eliminarle immediatamente.