Il sito di Attilio Folliero
17/03/10 Cascioli
martes, 06 abril 2010 23:12
Escritos en Español
Español
Articoli di Attilio Folliero sul Venezuela
Venezuela 
Búsqueda personalizada
Principal Arriba 14/01/10 Bilancio 09 14/01/10 Borse 1 14/01/10 Borse 2 14/01/10 Borse 3 14/01/10 Borse 4 14/01/10 Borse 5 22/01/10 Capital 23/01/10 Futuro 24/01/10 RCTV 24/01/10 Televideo Rai 24/01/10 Latifondismo 27/01/10 Tremonti 08/02/10 Honduras 24/02/10 RCTV Mundo 25/02/10 Niger 26/02/10 Uribe 17/03/10 Cascioli 29/03/10 Moneta 06/04/10 Istigazione 24/05/10 Titoli Usa
Dal 15/10/2006
Google Analytics
Page Rank Check
 
Principal
Arriba
In memoria di Luigi Cascioli
Attilio Folliero, Caracas 17/03/2010

In memoria di Luigi Cascioli

Il 15 marzo è deceduto il grande studioso ateo Luigi Cascioli. Era nato a Bagnoreggio, in provincia di Viterbo il 16 febbraio del 1934 e probabilmente era più conosciuto all’estero che in Italia, dove la stampa ed i media ufficiali lo hanno sempre snobbato.

Luigi Cascioli, autodidatta, è stato un grande studioso della cristianità, specializzato soprattutto nel periodo delle origini di questa religione. Nel suo libro più famoso, “La Favola di Cristo”, tradotto in varie lingue, ha dimostrato in modo inconfutabile che il personaggio Gesù Cristo, su cui si basano tutte le religioni cristiane, a partire dalla setta dei cattolici, non è mai esistito. Gesù Cristo è una invenzione, una favola bella e buona dei vangeli, scritti almeno un secolo dopo la presunta esistenza di questo personaggio. A tal fine aveva anche denunciato la chiesa cattolica nella persona di Don Enrico Righi, un parroco della diocesi di Bagnoreggio ed antico amico suo, per abuso della credulità popolare, in base all’art. 661 del Codice Penale e per sostitzione di persona, secondo l’art. 494 del Codice Penale.

Ateo convinto, Luigi Cascioli è in realtà un prete mancato e da giovane aveva frequentato il seminario. La sua vita, in un certo senso, potrebbe essere accumunata a quella di un altro grande ateo, Jean Meslier. Mentre Luigi Cascioli ha da subito avuto il coraggio di lasciare il seminario, Jean Meslier, evidentemente questo coraggio non lo ha avuto o forse non poteva averlo, visti e considerati i tempi in cui è vissuto, quando opporsi alla dottrina della chiesa significava semplicemente finire al rogo. Jean Meslier, dopo il seminario, rimase a fare il prete per 40 anni, fino al giorno della sua norte, avvenuta a 65 anni il 30 giugno 1729. Jean Meslier, mentre di giorno faceva prete, di notte si dedicava a studiare le religioni. Le conclusioni dei suoi studi sono contenute nel suo “Testamento”, dove spiega minuziosamente i motivi del suo ateísmo e mostra le prove della falsità delle religioni umane e soprattutto della religione cristiana. Jean Meslier era stato ateo durante tutta la vita e probabilmente aveva maturato questa convinzione fin dai tempi del seminario.

 

Luigi Cascioli, prete mancato è stato uno degli atei più importanti della storia e come Jean Meslier, nelle sue opere, a partire da “La Favola di Cristo”, spiega minuziosamente le falsità che ruotano attorno alla religione cristiana, prima fra tutte l’invenzione di Gesù Cristo, personaggio mai esistito. Non c’è alcuna traccia di Cristo negli storici dell’epoca e gli unici che ne parlano sono i vangeli, scritti a partire da un centinaio di anni dopo la presunta esistenza di Cristo.

 

In realtà i vangeli costruiscono la storia fantástica di questa persona mai esistita attingendo ad altre religioni. Per ovvi motivi, rimandiamo per l’approfondimento del caso al libro “La Favola di Cristo” (*). Se il Cristo dei cristiani non è mai esistito e la sua figura, per buona parte è mutuata da Giovanni di Gamala, figlio di Giuda - ha concluso Luigi Cascioli – significa, da un lato abuso della credulità popolare da parte dei rappresentanti della Chiesa che spacciano per vere storie e fatti riguardanti la vita di un personaggio mai esistito e dall’altro sostituzione di persona e quindi ha denunciato la Chiesa nella persona del párroco del suo paese. Con tali denuncie Luigi Cascioli ha inteso attaccare direttamente la Chiesa: l’ateismo che sferra un atto diretto al cristianesimo.

 

Luigi Cascioli pur avendo documentato in modo inoppugnabile quanto sostenuto, in Italia è stato del tutto snobbato dai grandi media, mentre al contempo ricevava grande attenzione all’estero: dei suoi minuziosi studi hanno parlato, tra gli altri anche la CNN e la BBC.

 

Ovviamente, non c’è da meravigliarsi se in Italia sia stato snobbato, perchè sappiamo bene l’enorme potere della Chiesa cattolica; ciò che però più conta è che grazie a lui è stato posto un altro grande tassello per smascherare le falsità delle religioni, prima fra tutte quelle della setta più terribile e sanguinaria, la setta dei cattolici che si è macchiata dell’assassinio di milioni di esseri umani.

 

Ciao Luigi e grazie per tutto quello che hai fatto per l’umanità; grazie per la tua coraggiosa lotta contro le menzogne delle religioni. L’umanità ti ricorderà per molto tempo.

______

 

* Per ulteriori informazioni e per l’acquisto del libro “La favola di cristo” invitiamo a visitare il sito di Luigi Cascioli, Url, http://www.luigicascioli.eu/index.php, che speriamo venga attualizzato dalla figlia Elena.

Alla figlia Elena, alla moglie, parenti e amici, porgiamo le nostre più sentite condoglianze.

feed
OK notizie
Folliero su Tecnocotizie
Add to Google Reader or Homepage
http://www.wikio.it
twitterSlidefacebookVideo in Daily Motion
folliero.it
Dal 26/01/2001
Nel sito gli scritti, gli articoli, le poesie, i racconti, di Attilio Folliero e Cecilia Laya, ma anche i principali eventi della propria vita. Spazio anche alle famiglie ed alle città di origine, Lucera, in Italia e Caracas, in Venezuela.
Articoli di Attilio Folliero sul Venezuela
Dal 2001 il Venezuela negli articoli di Attilio Folliero e Cecilia Laya
Galeria fotografica
Matrimonio Attilio Folliero e Cecilia Laya Lucera, 10/09/2004

selvas blog

Siti amici
Se hai un sito/Blog e vuoi intercambiare il link, contattaci


Sitios Amigos
Si tienes
un Sitio o Blog y quieres intercambiar el enlace, contáctanos
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale prodotto da Attilio Folliero e Cecilia Laya. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della legge n. 62 del 07.03.2001 e leggi successive.
Articoli, poesie e racconti contenuti in questo sito sono Copyleft
E' permessa liberamente la loro riproduzione, citando autori e link. Comunicateci se riprendente un nostro scritto ed inseriremo il link al vostro sito/blog nella nostra pagina dei siti amici.
Eventuali loghi e marchi proposti in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. Generalemente le immagini proposte sono di nostra proprietà o tratte dalla rete. Se stiamo utilizzando
immagini di proprietà, ovviamente inconsapevolemente,  comunicatecelo e provvederemo ad eliminarle immediatamente.